IL MIRACOLO DI UNA VITA, E OLTRE

Così eravamo abituati a vedere i migliaia di fedeli dentro le mura della “Cittadella di Maria” a Paravati, dentro la “Villa della Gioia” voluta dalla Madonna per bocca della Mistica di Paravati, Natuzza Evolo, Mistica alla quale è in corso la “Causa di Beatificazione”.Questo da qualche tempo non accade più, per volere di Monsignor Luigi Renzo, Vescovo della Diocesi Mileto-Nicotera-Tropea, il quale con un Decreto ha tagliato quel cordone che legava migliaia di fedeli a questa Terra, scelta dalla Vergine Maria per manifestarsi per mezzo di Natuzza.Lo scorso 10 Agosto, su desiderio di innumerevoli “Cenacoli di Preghiera“, Cenacoli tanto cari alla Madonna, si è svolta una Manifestazione di “Preghiera Silenziosa”, con la partecipazione di oltre 5.000 persone, con l’unico intento di ammorbidire il cuore del Vescovo Renzo, facendo sì che tutto torni come prima.Un fiume in piena di anime in pena, hanno solcato le strade del paese che dalla Basilica Minore di Mileto, portano ai Cancelli della Cittadella di Maria.Pellegrini e fedeli devoti alla “Madonna del Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime” di ogni dove, presenti e non, hanno manifestato solidarietà e vicinanza per questa triste vicenda, con la recita del Rosario.La compostezza, il silenzio tagliente, il Rosario in mano e le lacrime di tanti fedeli sono state le uniche cose che risaltavano in penombra, durante la fiaccolata, allo sguardo di chiunque fosse presente.La Madonna secondo tanti Pellegrini li ha accompagnati nella Preghiera durante la fiaccolata, tanti hanno avvertito la Sua presenza, come accadeva quando si portava in processione per le vie del paese.A due giorni di distanza, di questa manifestazione, nella Diocesi governa il silenzio, lo stesso silenzio assordante che attanaglia milioni di fedeli ardenti e speranzosi, che da quasi un secolo a questa parte hanno amato Mamma Natuzza e ricevuto da Essa una carezza, una parola di conforto, dalle pene che la vita riserva.

La Manifestazione è stata trasmessa in diretta streaming per coloro che non potevano essere presenti fisicamente, su un Canale Facebook dedicato per l’occasione, seguita da oltre centomila persone.Tanti sono stati i messaggi di speranza, di conforto, di solidarietà tra i devoti della Madonna e di Mamma Natuzza, qualcuno tra i centinaia di commenti scriveva così:

“La preghiera è il ponte che grazie all’intercessione di Maria,ci conduce a Dio!” 

“Ascoltare il Santo Rosario recitato da mamma Natuzza è sempre un emozione infinita… La Chiesa riapra quei cancelli e le porte della casa di tutti…” 

“Mamma Natuzza ..tu ai pregato tanto per noi …adesso tocca a noi pregare per te. Ti amiamo…” 

“Sarebbe bello se al termine della fiaccolata sua Eccellenza il Vescovo aprisse i cancelli della Villa della Gioia e celebrasse una bella Messa insieme a Don Pasquale e a Padre Michele.” 

“Siamo tutti con voi. siate anche il nostro assordante silenzio.” 

“Non trattengo le lacrime.” 

“Lo S.S. illumini chi di dovere.”

Questi sono soltanto alcuni dei tanti messaggi arrivati a sostegno di questa causa. Dal Brasile, dall’Egitto, dalla Svizzera, dal Venezuela, dalla Germania, e da tanti altri paesi la solidarietà non è venuta a mancare, tutti stretti nella Preghiera!Oggi ci si chiede come sia possibile così tanta indifferenza nei confronti di così tanti fedeli legati alla Fondazione, ove tutt’ora riposa Mamma Natuzza, che è venuta a mancare in Odore di Santità il giorno di Ognissanti del 2009.Indifferenza che sino a qualche tempo fà, il Vescovo non aveva esternato, considerando le molteplici volte che ha Celebrato Messa dentro la Cittadella di Maria,

lasciando che i fedeli potessero Venerare la statua della Madonna Consacrata dal Vescovo precedente Domenico Tarcisio Cortese.

Cosa farne oggi di questa Statua della Madre Santissima raffigurata come un’Adolescente? Di certo non si può nascondere in un cassetto!Cosa dire a chi prega e fa visita ai defunti, in questo caso parliamo di Mamma Natuzza; Monsignor Renzo conceda la possibilità di compiere un’Opera di Misericordia Corporale, di visitare i carcerati, che il popolo di Maria farà altrettanto nei Suoi confronti, facendo un’Opera di Misericordia Spirituale, perdoneremo l’offesa!Facciamo nostre le parole del noto Giornalista ed amico di Mamma Natuzza, Luciano Regolo: “Natuzza non si cancella con un decreto!” Affidiamo nelle mani di Dio, la Sua Opera, perchè non ai dotti o ai sapienti hai rivelato queste cose, ma le ai rivelate ai piccoli.La Preghiera si fà Speranza.

Seguici di Facebook

Annunci

2 pensieri riguardo “IL MIRACOLO DI UNA VITA, E OLTRE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...